Piscina fuori terra fai da te

Le piscine sono costose. Tutto quello scavare e colare cemento e costruire nel tuo cortile … Sembra un po ‘troppo. I kit e l’installazione della piscina fuori terra sembrano altrettanto ripidi. Ma la tecnologia e il know-how sono cambiati negli anni. Sempre più persone vogliono sapere come costruire oggetti di qualità con i propri strumenti e la propria potenza, risparmiando denaro e continuando a portare avanti tutto ciò che fanno.

Una piscina fuori terra fai-da-te, fatta bene, può durare per anni, facendo valere lo sforzo alla fine e risparmiando i costi elevati di scavo e altro ancora. Non solo, le piscine fuori terra sono la soluzione perfetta per una casa o un’area in cui non è consentito scavare.

Ecco come aggiungere la tua piscina fuori terra rinfrescante!

Passaggio 1: pianificazione
La prima cosa che vuoi fare è capire quale dimensione, quale forma vuoi. Le prossime importanti domande da coprire sono:

  • Budget.
  • Dove si troverà?
  • Quale forma?
  • Di cosa sarà fatto?

Ci sono alcuni programmi e software di progettazione della piscina che ti aiuteranno a pianificare e iniziare la progettazione della tua piscina fuori terra se non vuoi disegnarla a matita. Sul mercato c’è un software che puoi acquistare e utilizzare per vedere diversi design, aspetti e avere un’idea di dove iniziare.

Quali materiali considererai per la tua piscina? Cornice e rivestimento in legno? Certo, potresti fare uno di questi, ma sapevi che potresti installare e creare una piscina completamente trasparente? Oppure installa un pannello bello e trasparente che ti permetta di goderti la bellezza dell’acqua e la vista del tuo cortile.

[[immagine1, sinistra / destra]] Per alcuni esempi di quanto possa essere sorprendente una chiara piscina fuori terra fai da te, guarda cosa Michael Ripley, di Ripley Creations, realizzato con acrilico 4×8 spesso 1 pollice TAP . 

Anche se potresti non voler costruire la stessa dimensione o forma, solo uno spessore di un pollice di acrilico può contenere 957 litri d’acqua. Una piscina più piccola che utilizza acrilico o policarbonato UV2 su misura o tagliata durerebbe molto, molto a lungo e sarebbe un’aggiunta unica a qualsiasi cortile. Per non parlare di quanto sarebbe visibile l’acqua!

Puoi aggiungere un bellissimo tocco moderno mescolando pannelli in legno e un singolo lato di una finestra in policarbonato spessa e resistente per un look da piscina a sfioro, o semplicemente un tocco moderno al solito stile di piscina fuori terra.

Quando hai il piano, le dimensioni pronte, i materiali scelti, è il momento della seconda parte più importante.

Passaggio 2: individuazione.
Scegliere il posto giusto per una piscina fuori terra è molto importante. Considera questi importanti fattori:

  • Luce del sole. Scegli un luogo che sia o sia esposto al sole durante il giorno, se possibile lontano dagli alberi. Il sole non solo riscalda l’acqua, ma riduce la quantità di foglie nella piscina.
  • Vento. Costruire una piscina in una zona troppo ventosa farà evaporare l’acqua più velocemente. Dovrai aggiungere più acqua della piscina per mantenere un livello adeguato. Anche i venti forti possono farti sentire un freddo fastidioso.
  • Evita le zone basse. Le aree basse possono provocare l’allagamento della piscina con acqua piovana, fango e detriti durante i periodi di forti piogge. Inoltre, se sei a conoscenza di aree del tuo giardino che tendono a inondarsi o che presentano un aumento della falda acquifera, anche la piscina potrebbe allagare.
  • Evitare cavi o linee elettriche, telefoniche e via cavo sia sopra che sotto la piscina. Non costruire su fognature interrate, sistemi settici o cavi elettrici.
  • Se possibile, scegli un punto in cui la tua piscina fuori terra sia facilmente guardabile in modo da poterla tenere d’occhio e nuotare anche all’interno.

Passaggio 3: scegli il filtro se ne avrai.
La filtrazione di una piscina è uno degli elementi più essenziali per mantenere la pulizia e l’acqua sicura e pulita per nuotare. Le piscine fuori terra hanno bisogno di un sistema altrettanto buono di quelle sotterranee, poiché vorrai che la tua acqua sia cristallina e sicura per te e chiunque ci nuoti.

Esistono tre tipi principali di filtrazione o sistemi di pompaggio per piscine: sabbia, cartuccia e farina fossile. Tutti e tre i filtri funzionano bene se sono installati correttamente e ben mantenuti. Considera il tuo budget e quanto impegno puoi dedicare alla manutenzione di un sistema di filtrazione della piscina.

  1. La filtrazione a sabbia è la più antica e comune. Utilizzo di una speciale sabbia filtrante per intrappolare sporco e detriti. Le particelle di sabbia mentre filtrano iniziano a caricarsi o si intasano, poiché intrappolano particelle di sporco sempre più piccole fino a quando non sono così efficienti. Quando ciò accade, è necessario eseguire il controlavaggio di un filtro a sabbia, che comporta l’inversione del flusso d’acqua attraverso il filtro e il lavaggio dell’acqua sporca in una linea di scarico.
  2. I filtri a cartuccia esistono da diversi anni e sono una scelta popolare. Le cartucce cilindriche di grandi o medie dimensioni vengono utilizzate per schermare lo sporco. A differenza dei filtri a sabbia, le cartucce non richiedono controlavaggio. Il più delle volte quando un filtro non è più utile, deve essere gettato via. I filtri usa e getta non sono esattamente i migliori per l’ambiente, ma sono convenienti. Considera l’idea di trovare un filtro a cartuccia riutilizzabile e pulibile per un’opzione più rispettosa dell’ambiente e veloce.
  3. La farina fossile è una polvere porosa che ha aperture microscopiche come minuscole spugne. Le particelle sono intrappolate mentre l’acqua passa attraverso. Questi filtri possono filtrare sporco, polvere, alghe e persino alcune forme di batteri. Anche i filtri DE vengono puliti mediante controlavaggio; tuttavia, utilizzano molta meno acqua rispetto ai filtri a sabbia. Il DE fresco viene aggiunto dopo che il DE più vecchio è stato pulito.

Se scegli di rinunciare completamente all’acquisto di un sistema di filtrazione, probabilmente vorrai costruire la tua piscina fai-da-te con queste cose in mente:

  • Dove e come scaricare l’acqua quando deve essere cambiata. Le piscine molto piccole non sono quanto uno spreco d’acqua da drenare e riempire quando sono sporche. Ma dove scaricare l’acqua dovrebbe essere considerato.
  • Acquista o fai da te una copertura per piscina. Le coperture per piscina tengono fuori dalla piscina foglie, sporco soffiato dal vento e insetti mantenendola pulita.
  • Contempla l’acquisto di una sorta di aspirapolvere portatile e di piccole dimensioni. Ci sono alcuni modelli alimentati a batterie che possono essere utilizzati per piscine per bambini e verso l’alto. Se stai costruendo una piscina molto piccola, un aspirapolvere aiuta a rimuovere lo sporco o i detriti dal fondo che potrebbero causare la proliferazione di batteri o alghe.
  • Acquista accessori che assorbono l’olio. La nostra pelle ha olio e non possiamo davvero fermarlo. Alla fine una piscina di piccole o piccole dimensioni senza un sistema di filtraggio può iniziare a formare una pellicola oleosa sulla parte superiore. Un paio di palline da tennis in feltro possono aiutare a raccogliere questo, o una spugna appositamente progettata che assorbe la crema solare e il sebo della pelle. La cosa grandiosa della maggior parte di queste spugne è che possono essere pulite e riutilizzate, sono molto economiche e impediscono la formazione di schiuma o persino una linea di esso nella tua piscina.
  • Prodotti chimici formulati specificamente per piccole piscine. A volte le sostanze chimiche sono la migliore difesa contro alghe, melma, schiuma e batteri. Le piscine molto piccole, specialmente quelle che vedono molto utilizzo, sono molto sensibili a questo. Il cloro, sebbene non sia la prima scelta per alcuni, è spesso di gran lunga migliore di alcune delle cose spaventose che possono nascondersi nell’acqua non trattata. Cloro, alghicida, candeggina attiva al 6% (ma diluita) e un kit per l’analisi dell’acqua per garantire che le sostanze chimiche siano al giusto livello dovrebbero essere usati insieme.

Passaggio 4: galloni e acqua.
Hai deciso di utilizzare un sistema di filtrazione, o di non utilizzare un sistema di filtraggio, adatto ai tuoi gusti e al tuo budget. Se hai intenzione di acquistare un sistema di filtraggio, ora devi capire come quel sistema ottiene energia. Se non utilizzerai un sistema di filtrazione, dovrai sapere come mantenerlo pulito a seconda di quanti litri d’acqua contiene. Esiste un’ampia selezione di grafici e moduli di calcolo che ti aiuteranno a determinare la quantità di candeggina, cloro o alghicida che dovrai utilizzare per mantenere pulita la tua piscina fuori terra fai-da-te e mantenere le sostanze chimiche a un livello non dannoso.

Passaggio 5: dove vanno i fili?
Due cose da considerare prima di questo se utilizzerai un filtro e una pompa:

  • Questa sarà una piscina che può essere immagazzinata?
  • Sarà una piscina fuori terra permanente?
  • Costruirai un mazzo attorno ad esso ora o alla fine o no?

I requisiti elettrici per lo stoccaggio e la permanenza fuori terra sono diversi. La pompa della piscina e il sistema di filtraggio richiederanno elettricità. Il modo migliore per farlo è osservare e seguire i requisiti elettrici per le piscine residenziali fuori terra. Se non ti senti a tuo agio a gestire l’idea del cablaggio, specialmente se questo fai-da-te fuori terra sta per diventare permanente e / o ha un ponte, potresti voler rinunciare a questa parte del fai-da-te e lasciarla a un elettricista autorizzato ed esperto.

Passaggio 6: livellalo.
Ora che hai un piano, hai scelto di filtrare o meno, che tu abbia bisogno di elettricità o meno, e hai trovato il punto perfetto per posizionare la piscina è ora di prendersi cura del terreno. Il posizionamento di una piscina fuori terra deve essere posizionato su un terreno piano e piano. Le piscine costruite su terreni irregolari diventano instabili e ciò potrebbe comportare il rischio di lesioni sia ai bagnanti che agli astanti. Ricontrolla i codici di costruzione per assicurarti di rispettare le ordinanze locali. Non c’è niente di più scoraggiante nello spendere tutto quel tempo a pianificare e costruire solo per scoprire che devi smetterla. Inoltre, alcuni comuni richiedono che le piscine siano a una certa distanza dai confini della proprietà e dagli edifici esistenti, compresa la tua casa.

  1. Martella un paletto dove vuoi che sia il centro della tua piscina.
  2. Tenendo a mente il raggio della tua piscina fai-da-te, lega una corda attorno al paletto del raggio della tua piscina più 6 pollici in più. Segna o spruzza sul terreno mentre tiri la corda insegnata per delineare il perimetro dell’area su cui vuoi lavorare.
  3. Rimuovere tutta l’erba, la zolla, la vegetazione con pale, picconi o tagliaerba a motore. Usa una carriola per rimuovere i detriti dall’area di lavoro.
  4. Posare o utilizzare una tavola di legno che si estende dal palo centrale al perimetro esterno.
  5. Scegli il punto più basso con cui livellare tutto il terreno e inizia da lì.
  6. Applica una livella da falegname di sei piedi sulla parte superiore della tavola e inizia a muoverla, lentamente e diligentemente, per tutto lo spazio per testare la planarità del terreno. Come un orologio che va dalle 2 alle 4.
  7. Contrassegna i punti alti o maneggia qualsiasi luogo troppo alto scavando e controllando costantemente se l’area è ora a livello. Rimuovere i detriti.
  8. Scava sempre via le parti più alte, non riempire mai in basso. Il peso della piscina potrebbe comprimere anche i punti che hai aggiunto di sporco e causare problemi in futuro.
  9. Non avere fretta e sii paziente. Questo è un passaggio cruciale e ti meriti di avere la tua migliore piscina fuori terra fai-da-te, fatta bene. Controlla che tutte le tue aree siano ora uniformi e livellate.
  10. Se l’intero perimetro è uniforme, rastrella l’area per rimuovere eventuali rocce, rami o altri detriti rimasti. Particolarmente importante per le piscine rivestite in vinile poiché qualsiasi oggetto appuntito può perforarlo.
  11. Tampona il terreno. Ora il terreno deve essere compatto e compattato. Puoi farlo facendo scorrere un tubo o spruzzando un’ora prima di rotolare o comprimere o noleggiare un rullo da prato da un negozio di ferramenta locale. Questi rulli da prato possono spesso essere riempiti per controllare il peso. Arrotolalo per compattare lo sporco.
  12. Distribuire uno strato di sabbia su tutta l’area e comprimerlo di nuovo.
  13. Tratta l’area con fungicida ed erbicida. Poiché l’area intorno alla piscina sarà costantemente bagnata, l’applicazione di un fungicida prima di costruire la piscina insieme a un erbicida garantisce che non crescano piante che potrebbero danneggiare il rivestimento della piscina.

Se non stai costruendo un patio, puoi saltare il posizionamento dei supporti del patio. Se si costruisce un ponte, sarà necessario installare la base e i supporti appropriati in questo passaggio.


Ora sei pronto per costruire la tua piscina! Le possibilità di design sono infinite e l’utilizzo di acrilico e policarbonato U2 è quasi infinito con la tua creatività. Usalo con il legno, dipingilo, fallo tagliare e modellato su misura con noi e rinfrescati letteralmente nella piscina del tuo giardino che hai fatto a mano! Goditi il ​​sole estivo senza sudare e crea ricordi, e una piscina, per durare una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *